Quando si seguono le notizie al TG, molte delle notizie economiche riguardano la quotazione in Borsa delle società. Si analizzano i titoli e il loro andamento in Borsa, sia in Italia che sulle più importanti borse mondiali.

La scelta di aderire alla Borsa per una società non è tuttavia così scontata. Ci sono infatti società molto capitalizzate che hanno deciso di non quotarsi in Borsa

Perché un’azienda decide di quotarsi in Borsa e perché decide di non farlo? Scopriamolo insieme in questo articolo. Insieme a 3 grandi realtà italiane che hanno deciso di non farlo.

Vantaggi della quotazione in Borsa

La motivazione principale che spinge un’azienda a quotarsi in Borsa è il bisogno di liquidità. L’aumento di capitale spesso serve a finanziare la propria attività o nuovi, ambiziosi progetti.

La quotazione in borsa permette alle aziende di avere capitali a disposizione senza dover rendere conto alle banche, evitando quindi di pagare alti interessi.

Con la quotazione in borsa si permette a nuovi investitori ed azionisti di acquisire azioni dell’azienda, diventando soci a tutti gli effetti. La quotazione in borsa può anche rappresentare una vetrina per l’azienda, che può avere buoni riscontri in termini di visibilità e pubblicità.

Dal punto di vista dell’investitore, acquistare le azioni di una società permette di veder aumentare il valore delle proprie azioni, all’aumentare degli utili della società.

Svantaggi della quotazione in Borsa

In caso contrario, quindi se l’azienda non dovesse riuscire ad aumentare gli utili, gli investitori vedranno le proprie azioni diminuire di valore.

Questo è probabilmente lo svantaggio principale: le aspettative degli investitori quando si è di fronte ad una IPO sono alte. Le decisioni prese dal CDA saranno sempre sotto i riflettori. 

In aggiunta, l’azienda dovrà espletare degli obblighi informativi, per aggiornare gli azionisti sui bilanci e sulle decisioni principali.


Il mercato americano offre molte aziende su cui investire. Se inizi da zero con l’azionario parti dal nostro corso gratuito qui >


3 Importanti società italiane non quotate in Borsa

Forse perché non ne sentono il bisogno o perché preferiscono essere indipendenti, alcune note aziende italiane non ci pensano proprio a quotarsi in Borsa. Vediamo quali sono!

1. Ferrero 

Fondata nel dopoguerra dalla famiglia Ferrero, questa azienda italiana opera nel mercato alimentare.

Essendo un gruppo solido, e godendo di un’ottima reputazione, in molti si chiedono come poter investire su Ferrero. Di fatto, attualmente non è possibile acquistare azioni Ferrero.

La società ha sede a Lussemburgo e non sembra avere necessità di raccogliere nuovi capitali quotandosi in Borsa.

Nel corso degli anni, grazie alle oculate scelte in termini di espansione, distribuzione e diversificazione, i dirigenti di Ferrero non hanno avuto alcun bisogno di rivolgersi ai mercati finanziari.

2. Barilla 

Multinazionale famosa in Italia e nel mondo, Barilla è leader nel settore alimentare. Fondata nel 1877 a Parma, oggi conta quasi 10 mila dipendenti in tutto il mondo.

La famiglia Barilla è alla guida dell’azienda e ne detiene ancora le quote di maggioranza, Alla guida dell’azienda c’è la famiglia Barilla che, dopo una breve parentesi negli anni 70, detiene ancora le quote di maggioranza.

Oggi possiede stabilimenti e marche in tutto il mondo, dal Regno Unito al Canada.

L’attuale presidente Guido Barilla in un’intervista ha dichiarato: “La quotazione in Borsa non ci interessa, cresciamo con i nostri mezzi”.

3. Lavazza 

Azienda italiana fondata a Torino da Luigi Lavazza nel 1895, Lavazza opera nel settore del caffè. Oggi è presente in circa 90 Paesi e conta più di 3 mila dipendenti.

Al momento, Lavazza non ha intenzione di quotarsi in borsa, ma continua ad acquisire nuove società crescendo in questo modo utilizzando esclusivamente risorse interne.

Borsa Italiana semplifica le procedure

Qualcosa sta cambiando in Borsa Italiana. Il 23 settembre 2022 tramite un Comunicato Stampa infatti, sono state annunciate alcune semplificazioni delle regole di quotazione. 

Tali semplificazioni, che allineano il processo di quotazione agli standard europei e mondiali, dovrebbero avvantaggiare le società che desiderano ottenere capitali quotandosi su Euronext Milan. 

In particolare le semplificazioni riguardano:

  • gli obblighi di documentazione in capo alle società che si preparano a quotarsi;
  • le competenze di Borsa Italiana in materia di ammissione delle società;
  • le responsabilità dello Sponsor.

Il fine ultimo è quello di abbreviare i tempi di entrata a mercato per le società interessate a quotarsi semplificando la burocrazia della pratica. Queste novità convinceranno nuove aziende a quotarsi?


Le aziende di cui abbiamo parlato non sono quotate, ma ce ne sono molte altre che invece hanno deciso di farlo,

su cui è possibile investire. 





Source link